Io mi rialzo

  • Chiamaci: 344 0789888
  • Accoglienza gratuita e anonima

Consigli per evitare gli abusi

Alcune delle cose che troverai qui elencate possono sembrare ovvie, ma quando ci si trova in una situazione stressante, in cui è necessario agire velocemente, non c’è il tempo per pensare a tutte le cose di cui c’è bisogno o che devono essere fatte.

Il nostro consiglio è comunque sicuramente quello di rivolgersi immediatamente al centro antiviolenza più vicino, in quanto le operatrici sono formate appositamente per valutare il grado di rischio in cui la donna si trova in quel determinato momento.

Decidi di andartene.

Può sembrare un passaggio semplice, ma è esattamente quello che devi fare per andartene. Prima di tutto si deve decidere di andarsene. Poi si deve…

  • Fare un piano. Avere un piano in atto ti aiuterà a lungo termine. È estremamente cruciale in situazioni di emergenza.
  • Sicurezza a casa. Se tu e il tuo aggressore litigate, cerca di spostarti in uno spazio sicuro che abbia un telefono, una porta o una finestra. Stai lontano dal bagno o dalla cucina e da qualsiasi oggetto che possa essere usato come arma. Non correre dove sono i tuoi figli, il tuo aggressore potrebbe ferire anche loro.
  • Se il litigio si intensifica e ti senti in pericolo chiama il 112 o usa un codice segreto, ovvero una parola o una frase di sicurezza concordata con un amica o un famigliare [ad esempio “pranzo in giardino domani”, qualcosa che il tuo aggressore non vedrebbe come una frase di richiesta d’aiuto]. Mettiti quindi in contatto con la persona che conosce la tua situazione e sa come chiamare aiuto quando invii il codice segreto.
  • Se il tuo aggressore diventa violento e cerca di colpirti, cerca di renderti un bersaglio più piccolo. Tuffati in un angolo e raggomitolati in una palla con il viso protetto e le braccia attorno ai lati della testa, le dita intrecciate. Se sei ferita assicurati di andare in ospedale e denunciare l’incidente alla polizia. Assicurati che documentino tutto e di essere in grado di ottenere copie.
  • Crea un piano di emergenza con i bambini. Insegna ai tuoi figli come ottenere aiuto. Chiedigli di non farsi coinvolgere nella violenza tra te e il tuo partner. Pianifica una parola in codice per segnalare loro che dovrebbero chiedere aiuto e/o lasciare la casa. Organizza un luogo sicuro in cui i tuoi figli possano andare (la casa di un vicino o una stanza chiusa a chiave). Assicurati che i tuoi figli capiscano che il loro compito è trovare sicurezza, non proteggerti.
  • Fallo sapere ai vicini e agli amici. Fai sapere loro cosa sta succedendo e crea un segnale o una parola di sicurezza che segnali loro di chiedere aiuto per te.
  • Tieni sempre un telefono con te. Se una situazione si aggrava, puoi chiamare o inviare un messaggio di aiuto.
  • Armati di strumenti di autodifesa. Questi strumenti possono darti il tempo di cui hai bisogno per scappare.

Qui trovi il documento in formato pdf così da poterlo scaricare e poi stampare.

Dopo esserti allontanata dal tuo maltrattante

Dopo che te ne sei andata può essere un momento molto pericoloso. Segui questi passaggi per garantire la tua sicurezza dopo aver lasciato il tuo aggressore.

  • Cambia le tue serrature e il numero di telefono.
  • Ottieni l’ID chiamante se non lo hai già. Chiedi che il tuo numero di telefono venga bloccato in modo che se chiami qualcuno, né il tuo ex né nessun altro saranno in grado di ottenere il tuo nuovo numero di telefono non in elenco.
  • Se possibile, modifica l’orario di lavoro e il percorso da seguire per andare al lavoro. Informa le risorse umane della tua situazione e assicurati che al tuo ex non sia consentito l’ingresso.
  • Racconta la situazione alle persone con cui lavori e, se possibile, fai filtrare le chiamate.
  • Cambia il percorso per trasportare i bambini a scuola o valuta la possibilità di cambiare la scuola dei tuoi figli.
  • Allerta le autorità scolastiche della situazione.
  • Se hai un ordine restrittivo, tienine sempre una copia autentica. Informa amici, vicini e datori di lavoro che hai un ordine restrittivo in vigore.
  • Chiama le forze dell’ordine per far rispettare l’ordine e fornire copie dell’ordine restrittivo ai datori di lavoro, ai vicini e alle scuole insieme a un’immagine dell’autore del reato.
  • Considera l’idea di affittare una casella postale o di utilizzare l’indirizzo di un amico per la posta (tieni presente che gli indirizzi sono su ordini restrittivi e rapporti di polizia , quindi puoi mantenerli riservati) e fai attenzione a chi dai il tuo nuovo indirizzo e numero di telefono.
  • Riprogramma gli appuntamenti di cui il maltrattante è a conoscenza.
  • Usa negozi diversi e frequenta luoghi sociali diversi.
  • Avvisa i vicini e chiedi loro di chiamare la polizia se ritengono che tu possa essere in pericolo.
  • Sostituisci le porte in legno con porte in acciaio o metallo. Se possibile, installa sistemi di sicurezza.
  • Installa un sistema di illuminazione sensibile al movimento.
  • Dillo alle persone che si prendono cura dei tuoi figli o vengono a prenderli a scuola. Spiega loro la tua situazione e fornisci loro una copia dell’ordine restrittivo.
  • Ottieni strumenti di autodifesa.
  • Continua a cercare sostegno psicologico per te e i tuoi figli.

Infine, non meno importante…

  • Conserva le prove di abuso, per esempio le foto dei lividi, visite ospedaliere e documenti della polizia. Assicurati di tenerli in un luogo sicuro dove chi abusa non possa raggiungerli e distruggerli
  • Tieni un diario di tutti gli eventi che si verificano. Conserva gli scambi di e-mail, i messaggi, le registrazioni se ne hai, ecc. Assicurati di documentare le date e gli orari di questi incidenti e, ancora una volta, conservali in un luogo sicuro.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi